fbpx

Presidenza italiana G20, seconda riunione del Gruppo di lavoro Salute

Condividi su:

La Sala monumentale di Palazzo Chigi ha ospitato nelle giornate del 25 e 26 marzo 2021, il Second Health Working Group Meeting del G20 a Presidenza italiana.

Al meeting di due giorni hanno partecipato, collegati in videoconferenza, i delegati di tutti i membri del G20, oltre a i rappresentanti di alcuni Paesi ospiti e delle Agenzie delle Nazioni Unite che si occupano della materia e di Istituzioni internazionali invitate in questa occasione.

A porgere il benvenuto e a coordinare i lavori del meeting è stato il Segretario Generale del Ministero della Salute, Dott. Giuseppe Ruocco in presenza del Consigliere Diplomatico del Ministro, Davide La Cecilia.

La Presidenza ha proposto in questa occasione come temi di confronto sulle emergenze sanitarie: “la predisposizione dei piani di preparazione e gestione con un approccio One Health” e “il coordinamento e la collaborazione internazionale nella risposta”.

Nella prima giornata i temi sono stati introdotti dai Direttori generali del Ministero della salute, Prof. Giovanni Rezza (prevenzione) e Dott. Pierdavide Lecchini (sanità animale).

Successivamente A. Buzyn (WHO), JP. Dop (OIE ),  S. Von Dobshuetz (FAO),  D. Robinson (UNEP), come delegati delle Organizzazioni internazionali e  M. Pearson, di OECD, hanno illustrato la “Concept Note”, predisposta con lo staff ministeriale, per definire il contesto dei lavori.

A seguire il Prof. Moreno Di Marco (Univesità Sapienza di Roma) ha presentato dati relativi allo stretto legame tra lo sviluppo sostenibile e il rischio pandemico, affinché si promuova un approccio trasformativo, di prevenzione, che tenga conto della tutela delle biodiversità, dell’ambiente e della salute del Pianeta.

La Dr.ssa Natasha Azzopardi-Muscat di OMS Europa ha presentato le attività della Pan-European Commission on Health and Sustainable, presieduta dal Prof. Mario Monti.

Un ultimo intervento prima della discussione plenaria, svolto da S. Edwards rappresentante del Segretariato del “G20 AMR R&D HUB”, istituito nel 2017 in occasione della Presidenza tedesca G20, è stato dedicato alla resistenza antimicrobica con una presentazione dal titolo AMR: where we “R”.

Nella seconda giornata, il Prof. Walter Ricciardi, dell’Università Cattolica Sacro Cuore di Roma, ha coordinato una sessione di consultazione nella quale è stata data voce ai delegati dei gruppi di interesse, che hanno presentato le loro posizioni e proposte rispetto ai temi in discussione. Si sono succeduti, nella consultazione, rappresentanti degli Engagement Groups (T20, L20), ONG (Medici senza frontiera) e attori non governativi.

Sono stati affrontati anche altri aspetti legati alla preparedness e ai sistemi sanitari, con l’intervento del Direttore generale per la programmazione sanitaria del Ministero della salute, Dott. Andrea Urbani, seguito dalla Prof. Reem Al Bunyan. in rappresentanza del Global Innovation Hub for Improving Value in Health, istituito lo scorso anno con la Presidenza saudita.

Da ultimo, si è avuto un focus su patient safety con l’intervento della Dott. N. Dhingra, responsabile di questo settore in OMS, e delle Dott.sse S. Albolino e G. Dagliana, del Centro Collaborativo OMS Human Factor and Communication for the delivery of Safe and Quality Care di Firenze.

Anche nella seconda giornata i delegati dei Paesi del G20, di quelli ospiti e delle Organizzazioni internazionali hanno avuto l’opportunità di un confronto sulla base dei quesiti proposti Concept Note.

La prossima riunione è programmata in giugno, per i giorni 17 e 18.

Leave a Reply

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
×